Ha vinto Renata. Mica è colpa loro…

Simone Migliorato

Mica è colpa loro. Cioè, mica sempre con loro ce la possiamo prendere. Cioè, mica possiamo dare la colpa delle nostre frustrazioni al fatto che loro esistano. Cioè quando ti metti a fare una partita con un altro, devi anche mettere in conto che puoi perdere. E che quindi l’altro vinca. Cioè, mica puoi metterti a giocare e pensare di vincere sempre e comunque, e quando vinci va tutto bene, e quando perdi è stronzo l’altro. “Ti piace vincere facile?”.

Quando perdi una partita, un campionato, un mondiale comunque delle domande te le devi fare. Non è che puoi stare sempre a pensare all’altro. Cioè ci puoi pensare un attimo, puoi vedere lui che esulta e farti rodere il deretano, ma poi devi pensarci dio santo al perché hai preso gol. Mi ricordo quando una volta ero allo stadio, era un derby, il primo derby con Di Canio di nuovo in maglia biancoceleste. Noi in curva Sud lo sapevamo che segnava. Lo sapevamo ma non volevamo dircelo. E alla fine, palla in avanti, lui che segna ed esulta sotto la sud. Non è venuto sotto di noi con il dito alzato, ma poco cambiava alla fine.

Appunto. Che cribbio cambia se la Renata fa o no il saluto romano? Tanto già lo sapevi che vinceva…

…ma se lo sapevi che vinceva qualche domanda dovrai pur fartela. No?

Invece tutto il contrario. Basta farsi un giro su internet dopo la vittoria della Polverini alle regionali. Tutti indignati per questa fantomatica foto dove la nuova governatrice del Lazio fa il famoso saluto. Ma che state addì? Ma secondo voi, questi so’ diventati tutti deficienti che ogni volta che vincono, ogni volta che escono di casa, ogni volta che s’affacciano al balcone fanno il saluto romano? Certo, secondo te la Polverini, con gli occhi puntati su di lei si mette a sputtanasse così. Magari lo avrà fatto a casa, ma mica in piazza der popolo. Soprattutto visto il precedente di Alemanno che il giorno dopo la sua elezione a sindaco si trovò spiattellato sulla stampa francese come il sindaco neo-fascista salutato da “boschi de braccia tese”.

…mica è così stupida la Renata!

Invece no, il centro-sinistra domande non se le pone. Anzi! Scarica addosso agli altri le colpe. Basti pensare che Pierluigi Bersani ha dato la colpa a Beppe Grillo e al suo movimento per la sconfitta in Piemonte. Ma l’animaccia tua, sei il secondo partito italiano (ancora per poco…) e dai la colpa della tua sconfitta a un comico pazzo e a quattro matti che sgobbano appresso a lui? Sei scemo Bersani.

Ma tornando alla caduta di Roma nelle mani dei fascisti forse qualche cosa c’è da chiedersi.

Oggi sindaco di Roma è Alemanno. Segretario FdG, è stato in carcere, c’ha la certica ar collo, dorme co’ la certica sur letto. Insomma sarà tutto ‘na certica! Però mi chiedo: “Te lo chiedi perché il centro-destra a Roma, nelle regionali 2010 che lo vedono vincente, non ha avuto però la maggioranza nella capitale?”.  Cioè praticamente i romani hanno votato più centro-sinistra che centro-destra. E non ricordi che negli stessi municipi dove votavano Zingaretti nessuno votava Rutelli? Te lo chiedi o no? Se non te lo chiedi sei stupido! E che te la prendi con Alemanno e i suoi? Quelli mai si sarebbero creduti di prendersi Roma. C’avrebbero provato altre sedici volte, ma tanto per partecipare. E invece no! Quello diventa sindaco di Roma, così, e nessuno di loro se lo aspetta, e mi sembra puro ovvio che nella foga del momento qualcuno si è fatto scappare qualche saluto romano. Quelli è da 30 anni che aspettavano di farlo in Campidoglio. Magari ci andavano di nascosto di notte a farlo, ma mai si sarebbero aspettati di farlo in pieno giorno. In mondovisione.

…tornando alle regionali, quindi la Polverini non l’ha fatto er saluto. Mica è stupida. E nessuno lo avrà fatto in piazza, neanche la vecchia matta (c’è sempre ‘na vecchia matta!). Quella salutava in segno di giubilo e l’hanno beccata mentre alzava il braccio. Povera crista, mica è facile salutare, esultare, senza trovarsi per un nano secondo con il braccio a novanta gradi. Mo’ ce devo ave’ paura, che quando saluto er benzinaio ogni mattina quando vado al lavoro qualcuno me dice “Aoh è fascista!”. E che cazzo!

Per farla breve la Polverini sapeva di vincere. O almeno se lo immaginava. Quindi tutti erano stati istruiti per non fare cazzate. Quindi basta co’ ‘ste porcherie del saluto romano della nuova governatrice. Le porcherie sono tante altre, e molte in casa di questo lamentoso centro-sinistra. Perché non te la poi prenne sempre con loro! E’ normale che il centro-destra è favorito quando l’ex Marazzo è incapace di difendere le sue scelte sessuali e si fa incastrare come un pollo, mentendo anche spudoratamente. E’ normale che perdi, soprattutto se quello si deve genuflettere davanti al mondo, chiedendo scusa alla moglie, alla figlia, al papa e alla CEI. E’ normale che perdi se per rimediare a questo cerchi ossessivamente un volto cattolico da candidare, ma tutti i cattolici scappano. E allora te prendi la Bonino che un po’ dignitosa era, ma col cavolo che te la piavi se nun trovavi nessuno! Prima cerchi un chierichetto e poi prendi la Bonino? E’ indicativo di come stai a pezzi! E meno male che quello si è mangiato un panino, altrimenti non ci sarebbe stata storia. Così hai lasciato il dubbio a noi poveri astenuti di aver sbagliato. Ci guardiamo e diciamo “Cazzo, se votavamo forse la Bonino je la faceva!”. Ma nun è vero. Non è colpa loro, ne nostra. E’ solo vostra lamentosoni!

Condividi
  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks