Nuda. Legata. Bendata…

Nuda
legata
bendata.
Galleggio nel buio torbido
dell’incoscienza
invischiata in un turbine
di saliva e sudore.
Freme
la mia pelle insaziabile
con ansia mordo
lenzuola e dolore.
Ingoio un grido d’animale
declina in un gemito
ed in gola muore.
Affogo
in questo limbo d’astrazione
con un piede nel fango
e le dita nel sole.

Saffo

Condividi
  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks