Il cerchio della vita

Anche tu hai voluto più grandezza –
l’amore tutti aggioga, e più potente
il dolore ci piega: eppure non invano
torna il nostro arco là da dove viene.

All’alto, al basso – nella notte sacra
dove la Natura pensa in silenzio
ai giorni che verranno e nel più obliquo Orco
non c’è una via dritta, non regna la giustizia?

Io l’ho vissuto. Come i maestri mortali
voi Celesti che tutto sostenete,
perché sapessi e prevedessi,
mai mi guidaste su un facile sentiero.

Che l’uomo tutto provi, è il vostro detto:
che un duro cibo faccia e che ringrazi
sempre, di tutto, che voglia esser libero
di aprire, di forzare ciò che vuole.

Friedrich Hölderlin

Condividi
  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks