Romano Guatta Caldini Archive

  • Romano Guatta Caldini Quando nel ’42, le forze dell’Asse penetrarono in territorio egiziano, spingendosi a circa ottanta chilometri da  Alessandria d’Egitto, molti ufficiali dell’esercito di re Farouk, spinti da sentimenti antibritannici, cercarono di prendere contatti con l’intelligence italo-tedesca, al fine […]

    Gamāl ‘Abd al-Nāṣer e il socialismo di popolo

    Romano Guatta Caldini Quando nel ’42, le forze dell’Asse penetrarono in territorio egiziano, spingendosi a circa ottanta chilometri da  Alessandria d’Egitto, molti ufficiali dell’esercito di re Farouk, spinti da sentimenti antibritannici, cercarono di prendere contatti con l’intelligence italo-tedesca, al fine […]

    Continue Reading...

  • Romano Guatta Caldini Dopo anni di privazioni e sacrifici, di umiliazioni e sconfitte, finalmente, la gente poteva festeggiare: nelle strade la popolazione si riversò gioiosa, le donne si concedevano ai liberatori  per una barra  di cioccolata e gli uomini, felici […]

    Il Sud che non si arrese alla liberazione

    Romano Guatta Caldini Dopo anni di privazioni e sacrifici, di umiliazioni e sconfitte, finalmente, la gente poteva festeggiare: nelle strade la popolazione si riversò gioiosa, le donne si concedevano ai liberatori  per una barra  di cioccolata e gli uomini, felici […]

    Continue Reading...

  • Romano Guatta Caldini Alba e tramonto,  vita e morte, tutto scorre in un infinito susseguirsi del tempo: la natura, nella sua semplicità, si auto-regolamenta, ha i suoi tempi, i suoi codici, ha un suo equilibrio prestabilito che  solo l’uomo – […]

    Ignazio F. Semmelweis nelle parole di Céline

    Romano Guatta Caldini Alba e tramonto,  vita e morte, tutto scorre in un infinito susseguirsi del tempo: la natura, nella sua semplicità, si auto-regolamenta, ha i suoi tempi, i suoi codici, ha un suo equilibrio prestabilito che  solo l’uomo – […]

    Continue Reading...

  • Romano Guatta Caldini «Quanti anni hai? Pochi, li ho consumati quasi tutti» – scriveva Fausto Gianfranceschi nel suo «Così parlò un reazionario». Probabilmente, anche Jacques Rigaut si era posto la medesima domanda e, in ugual modo, si era dato la […]

    Jacques Rigaut. Il fuoco fatuo

    Romano Guatta Caldini «Quanti anni hai? Pochi, li ho consumati quasi tutti» – scriveva Fausto Gianfranceschi nel suo «Così parlò un reazionario». Probabilmente, anche Jacques Rigaut si era posto la medesima domanda e, in ugual modo, si era dato la […]

    Continue Reading...

  • Romano Guatta Caldini L’operato di John William Cooke, punto d’incontro fra peronismo e castrismo, ha rappresentato, senza dubbio alcuno, la migliore commistione fra l’esperienza socialista nazionale di Peron e le spinte rivoluzionarie cubane. Una tradizione, quella dell’antimperialismo latino americano, che […]

    John W. Cooke e il peronismo rivoluzionario

    Romano Guatta Caldini L’operato di John William Cooke, punto d’incontro fra peronismo e castrismo, ha rappresentato, senza dubbio alcuno, la migliore commistione fra l’esperienza socialista nazionale di Peron e le spinte rivoluzionarie cubane. Una tradizione, quella dell’antimperialismo latino americano, che […]

    Continue Reading...

  • Romano Guatta Caldini In principio erano le «signorine grandi firme» di Gino Boccassile: al tempo, non c’erano le cosiddette riviste per soli uomini, né tanto meno internet, ad appagare gli istinti  «pruriginosi» dei maschi italiani. Immagini di donne, più o […]

    Mameli Barbara. Il pornografo del regime

    Romano Guatta Caldini In principio erano le «signorine grandi firme» di Gino Boccassile: al tempo, non c’erano le cosiddette riviste per soli uomini, né tanto meno internet, ad appagare gli istinti  «pruriginosi» dei maschi italiani. Immagini di donne, più o […]

    Continue Reading...

  • Romano Guatta Caldini Mai, come durante il Fascismo, nell’Italia post-unitaria,  venne celebrata la figura di Giuseppe Mazzini. Caduto il regime mussoliniano, il ricordo del patriota tornò a far bella mostra di sé, fra le pagine ingiallite dei manuali scolastici; evidentemente, […]

    A chi Mazzini? A noi

    Romano Guatta Caldini Mai, come durante il Fascismo, nell’Italia post-unitaria,  venne celebrata la figura di Giuseppe Mazzini. Caduto il regime mussoliniano, il ricordo del patriota tornò a far bella mostra di sé, fra le pagine ingiallite dei manuali scolastici; evidentemente, […]

    Continue Reading...

  • Romano Guatta Caldini Spesso, la toponomastica è indice delle tendenze politiche dei vari comuni, ad esempio,  Bologna è rinomata per la sua «sinistra» attitudine: nel capoluogo emiliano, infatti,  si passa da Via Stalingrado a Via Carlo Marx, passando per Viale […]

    Quel marxista di Montanelli

    Romano Guatta Caldini Spesso, la toponomastica è indice delle tendenze politiche dei vari comuni, ad esempio,  Bologna è rinomata per la sua «sinistra» attitudine: nel capoluogo emiliano, infatti,  si passa da Via Stalingrado a Via Carlo Marx, passando per Viale […]

    Continue Reading...

  • Romano Guatta Caldini «L’artista – scrive  Ernst Jünger – è prima di tutto responsabile dinnanzi alla sua opera e non dinnanzi al tale o talaltro ordinamento politico». Personalmente, pur condividendo l’affermazione dell’autore de l’Arbeiter, per tracciare il profilo dell’artista in […]

    Alberto Burri. Rosso è Nero

    Romano Guatta Caldini «L’artista – scrive  Ernst Jünger – è prima di tutto responsabile dinnanzi alla sua opera e non dinnanzi al tale o talaltro ordinamento politico». Personalmente, pur condividendo l’affermazione dell’autore de l’Arbeiter, per tracciare il profilo dell’artista in […]

    Continue Reading...

  • Romano Guatta Caldini «Ogni donna adora un fascista»,  ha scritto la poetessa Sylvia Plath. Forse, non tutte le donne hanno questa propensione,  verrebbe da replicare. Nel caso di  Leda Rafanelli [nella foto], l’affermazione della Plah risulta, però, veritiera: lei, un […]

    Leda Rafanelli. Storie d’amore e d’anarchia

    Romano Guatta Caldini «Ogni donna adora un fascista»,  ha scritto la poetessa Sylvia Plath. Forse, non tutte le donne hanno questa propensione,  verrebbe da replicare. Nel caso di  Leda Rafanelli [nella foto], l’affermazione della Plah risulta, però, veritiera: lei, un […]

    Continue Reading...

Pagina 1 di 512345