Germania tosta, ma la storia è con noi. E se vinciamo: Prandelli premier!

(di Darwin Pastorin) – Tremate, tremate gli azzurri son tornati! Eccoci di nuovo a te, spavalda e, spesso, arrogante Germania (non solo nel calcio): pronti a darti un altro dispiacere. Come contro l’Inghilterra, lo scrivo prima: vinceremo noi, noi azzurri, noi che tifiamo per l’Italia di Prandelli (perché non nominarlo Presidente del Consiglio: tra tutti e tutte, è indubbiamente il miglior tecnico!), per le prodezze di Gigi Buffon, per il cucchiaio di Pirlo, per la classe di Marchisio, per le mattane di Balotelli e Cassano, per l’estro di Diamanti [ed il monumemtalizzabile De Rossi, ndr].

Noi che ricordiamo perfettamente le passate imprese, di buon auspicio per quella di stasera. Avevo quindici anni nel 1970, e guardai Italia-Germania del mundial messicano a Verona, con mio zio Giorgio. Al pareggio, nei tempi regolamentari, al 91′, di Schnellinger, che giocava nel Milan, cominciò a imprecare, in dialetto, sull’invasione “crucca del lago di Garda”. Preso dallo sconforto, mi permise di bere un bicchiere di birra. I supplementari finirono come tutti sappiamo, 4-3, la miglior disfida di sempre, era la nazionale di Rivera e Riva, di Albertosi e Facchetti. Nel 1982, ero presente, inviato del quotidiano torinese Tuttosport, a Italia-Germania, finale della Coppa del Mondo di Spagna: 3-1, nel nome di Pablito Rossi, Tardelli e Altobelli. I ragazzi del Vecio Bearzot firmarono un’impresa epica, memorabile, indimenticabile. Sandro Pertini, il presidente partigiano, in tribuna d’onore, al fianco del re Juan Carlos, sorrideva felice come un bambino: “Non ci prendono più, non ci prendono”. Mentre gli azzurri salivano la scalinata per ricevere l’ambito trofeo, abbracciai Claudio Gentile: l’immagine è immortalata nel docufilm “Golé!”. Nel 2006, conducevo, su La7, la trasmissione “Il gol sopra Berlino”: celebrai in diretta il successo italiano, ai rigori, contro la Francia. Il match della testata di Zidane a Materazzi. E, ovviamente, narrai il trionfo contro la Germania nella semifinale, 2-0, reti di Grosso e Del Piero, ai supplementari.

Stasera, sarò davanti alla tv. Nel Canavese, con la mia compagna Liliana. Finirà 2-1: Pirlo, Gomez e Balotelli. Firmato Darwin.

Darwin Patorin
Altri online 

Condividi
  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks