Roma – Chievo 2-0. Kansans City 1927…

C’è un fenomeno su Facebook e si chiama “Kansans City 1927″ [cilcca QUI]. E’ il ritrovo, ormai abituale, dei tifosi giallorossi per leggere il commento irresistibilmente divertente dell’ultima partita della A.S. Roma. Vogliano perdonarci i lettori tifosi di altre squadre ma, da oggi, ogni lunedì, posteremo il loro articolo…

La redazione

 

Archiviato quel crimine contro l’umanità pallonara che è la sosta natalizia, periodo de astinenza affrontato co dosi de metadone appena sufficienti a non fatte guardà co interesse su youtube gli highlights del campionato bielorusso, finalmente se torna all’Olimpico. I ragazzi sembrano tonici quanto quelli de fine 2011, so tornati coi compiti dele vacanze fatti, e Luiggierico sembra ormai definitivamente pago delle formazioni fatte coll’occhi bendati e il dito che score sul registro. E nonostante er freddo geli genitali sugli spalti, e nonostante radio, tv e articolesse rifrullino affetti, cifre e clausole ogni dì, ar nome de Capitan Boh l’applauso parte caldo e abbraccicoso, roba da sussurrà ao, noi te volemo bene, tu ce voi bene, baciamose. Uniche variazioni sui più recenti temi so le ali der Putto che tornano a dispiegasse sule ali dela sfiga der Fucipolla, e Rodrigo Carlos dirottato da sinistra a destra, che pur de non fa giocà Cicinho diventerebbe convocabile pure Barusso. Spostato Taddei a destra, a sinistra rispunta @JoseAngel co tutti i suoi problemi de interazione co la community e co un #tiro da fori che ce fa capì subito che avevamo fatto bene a mette in conto un Sorentino molesto che niente avrà a che spartì cor bonaccionismo der conduttore de Tandem.

Perchè se quella sul twittero asturiano è na parata d’ordinanza, poco dopo, ner giro de un minuto, l’arcigno estremo fa esclamà a tutto lo ssadio un sentito torna a Sorento, e restace. Il primo a impattà contro la muraglia pandora è er frutto der peccato dele teenager, che pettinatissimo se invola verso la porta, scarta la pubertà, se libera dell’adolescenza, se presenta all’appuntamento co la maturità, spiattella pallone, sogni e speranze ortre l’ostacolo, ma se infrange contro l’autorità costituita der guardiano che je dice “questa porta non è un albergo”, e come ogni rigazzino impertinente viene messo in un angolo co na manata. Allora, come ogni rigazzino impertinente romano, er Coco nostro decide de mandaje a Sorentino er fratello grande, quello che je basta un rutto e te metti paura, e così all’angolo se presenta er Capitano, che però non se po move senza ritrovasse vicino er badante bosniaco.

Quanno Ercapitano sta a casa, Pjanic je ritrova er telecomando sotto ar divano; se Ercapitano sta alla cassa ar supermercato e s’è scordato er pane se sente un “faccio na corsa io, te metti la roba sur nastro” con marcato accento dell’est; se a mezzanotte a Ilary non je va de portà giù er cane je compare ner videocitofono un capoccione co paletta e guinzajo in mano. E così, ar grido non troppo convinto de “vabbè, taapasso”, Ercapitano jaa passa, e quello ce mette nattimo a ricordacce a tutti che sì, è paraculo, ma non è co la paraculaggine che se scalano le classifiche poprock de mezzo pianeta, e scaja na sveja a molla che sul bietto c’ha scritto “destinazione: sette (sottar)”. Però no, in porta c’è er portiere der Subuteo co la stecca lunga, quella che se la movi forte smonta la porta, e come tutti i signorini che anche solo pe noia estiva de un redattore der Coriere delle Fratte vengono accostati ala Roma, deve fa er fenomeno, negando ar capoccione la gioia più grande, che non è er gò, ma abbraccià Ercapitano dopo er gò. Giusto er tempo de iscrive pure er putto cantero ar club “Sorentino Cacacazzi” e ecco che er giovane Miralem mira il miraggio de poté abbraccià comunque il suo idolo, che pure se segna Ercapitano va bene lo stesso. L’occasione ariva grazie a nantra ribellione ai vecchi e agli orari e ai divieti de giocà co la playstation e alle chiavi tolte dalla porta der bagno, che se risorve ner tentativo de sciancaggio de gamba glabra da parte den difensore mpo canarino e mpo canaro. L’arbitro Russo da Nola, uno che per motivi non meglio precisati je stamo na cifra sur cazzo (e lo rincuoramo sur fatto che la stima è reciproca) se vede marvolentieri costretto a indicà er dischetto.

Ercapitano torna sur luogo der misfatto co la tranquillità de chi ha fatto nsacco de gò, ha vinto nsacco de premi, s’è preso nsacco de complimenti, ma comunque non segna dambotto de tempo. Perchè comunque stamo a parlà de un romano, e se sa a Roma che fine ha fatto tranquillo. Ma lui sa dare del tu al pallone, lui s’è inventato il cucchiaio, lui può contare sulla classe, sull’eleganza, sul tocco delicato, sul colpo di biliardo, sulla carezza al cuoio, sul tiro telecomandato, sulla leggerezza, ed è per tutti questi motivi che molesta il pallone co na crina che disarciona la bariera del suono e core a incide na crepa perenne nele pore cordicine della rete. Alo sssadio intuimo l’esito solo quanno la rete se move, che tra impatto e impatto non avemo visto gnente, roba da tunnel de neutrini, però de parte. Uno a zero, e nantro portiere sordo in serie a. E non ce dilungheremo qui sull’ennesimo capitolo de curtura popolare che se muove dar cotone de na majetta e se propaga dall’occhio de na telecamera ai satelliti de tutto er monnoinfame, noi l’abbiamo sempre saputo che quanno se parlava de intelligenza calcistica c’era naggettivo de troppo.

Ed è co sta rinnovata consapevolezza che se nannamo a riposo, co na palla in rete e un Pallotta in tribuna a strigne mani, lancià occhietti, abbraccià sconosciuti, guarì infermi, e fasse foto pe souvenir da sbatacchià pe fa scenne polistirolo sur Colosseo e dà na carezza ai bambini, la carezza de Pallotta, da non confonde co la carbonara de Pallotta.

Se ritorna sul rettangolo e non c’è manco bisogno che arivi er fantasma de Vitiello a ricordacce l’urgenza de fa nantro gò, che questi se chiudono e ripartono, e anche se er pallone è spesso er nostro, non so lessi manco pe niente. E deve esse tra il primo e il secondo tempo che qualcuno deve avè fatto presente all’undici clivense che Krkic è il tipico cognome de nsostenitore dell’Hellas Verona, e che Bojan è il tipico nome de chi a Natale consuma pandori Motta e boicotta Paluani, sennò nse spiega cotanto accanimento clivense sula pora creatura, e scusate se dimo clivense. La caccia ar Putto è tarmente sistematica, puntuale ed efficace che a ncerto punto Heinze vorebbe consegnà agli avversari la targa del premio “Ditelo co un carcio” e offrì no stage presso il fitness center “Famo a pizze”. L’angioletto non po toccà palla che subito arivano a ciancicaje na cavija, ma commette, agli occhi de Russo, l’imperdonabile ingenuità de conservà attaccati ar corpo tutti gli arti, ragion per cui mpar de rigori passano in cavalleria.

Se produce molto, se conclude poco, i cattivi presagi vengono solo in parte tamponati dar fatto che pe na volta un romanista che ce gioca contro, invece de fa la partita della vita se magna un gò già fatto. Ed è così che una curva, uno ssadio, na tifoseria intera in loco e in casa, a margine de un Moscardelli che, solo davanti a Franco, cicca clamorosamente invece de insaccà, grida come un solo uomo “a Moscardé, insa stocazzo”. E’ er segnale che ce dice bene, perchè passa poco e stamo de novo sur dischetto. Bojan a sto giro ha imparato l’antifona, e invece de fasse dilanià je butta lui er pallone sur braccio ai mastini, e se su uno poteva pure soprassede, co due tocchi de mano ravvicinati er poro Russo, amareggiato a morte, deve aricapitolà. Come piace tanto dì a chi c’ha tanto bisogno de distrasse dalle gesta dei propri beniamini: rigore paaroma. E quando dici paaroma dici Percapitano. E quando dici Percapitano, oggi, dici gò. Pronti alla suatta, rinculamo pe la botta che però resta barzotta, uguali uguali a Sorentino, che intuisce, sfiora, accarezza e implora invano, che er destro è de rigore, er ciuccio è sfoderato, la doppietta è realizzata, e stavorta non ce stanno ritardi de cui scusasse. Che poi ncera bisogno manco ar primo Francè, che come s’è rotto Osvardo tutti amo detto: tanto mo comincia a segnà Ercapitano. Ecchetelo tiè, sei arivato appena c’è stato bisogno, in perfetto orario. E allora, mo che amo sincronizzato l’orologi, famole core ste lancette che c’è tempo perso da recuperà, e se giocamo così, de giocà nse vede l’ora.

Kansans City, 1927

.

.

.

 

 

Condividi
  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks