Acquario. 21 gennaio – 19 febbraio

Acquario: te pensi che la gente voglia fa amicizia co’ te solo perché state nella stessa stanza. Dar dottore, dar dentista, dall’estetista e pure all’erboristeria entri co’ sicurezza, salutando a destra e a manca, senza manco preoccupatte de scambia’ prima du chiacchiere. Vai al bar e pure se è la prima volta chiedi er solito. Eppure, se uno riesce a conoscete bene, sa che sei n’amico disponibile e sincero. Sa che se uno vòle fa’ du chiacchiere co’ te, basta che te chiama e te cori subito. Ma sta cosa, se ce pensi bene, quante rotture de cojoni in più t’ha portato? Quanti sfoghi der cazzo te sei dovuto sorbì? E quante volte te sei ritrovato che te rodeva er culo e non t’era successo niente? Non è che devi sempre fa i conti coll’incubi dell’altri. Non è che quando uno vede tutto nero e non sa ‘ndo andà a sbatte la testa, te te devi senti’ in grado de dije la cosa giusta, de daje ‘na speranza. Perché tanta gente, pe’ quanto può esse buona l’azione, della buona speranza tua non sa manco che facce. Se alla gente che te chiama je dici che ciai da fare, non è che se offende o che ce rimane male. E se pure è così, cazzi sua. Mo che ciai pure te problemi, dimme la verità, ma chi te se ‘n’cula? Mo è inutile che te ce metti a pensa’, perché te lo posso dì subito io adesso: non te incula nisciuno, acquario fijo mio che nun sei altro. Per cui, in un momento così buio e tempestoso, in cui non se vede lavoro e chi ce l’ha è costretto a tenesselo a denti stretti, pure a costo de ingoià rospi su rospi che manco dentro ‘no stagno, pensa a te. Nun te preoccupa’, non te giudicherà male nessuno.

.

.

.

 

Condividi
  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks