Acca Larentia. Quello che non è mai stato detto. Un commento di Andrea Colombo

Chi c’era dietro Acca Larentia? Il mai disciolto gruppo di Potere operaio, e forse anche quello è solo un tentacolo di più gigantesca piovra. Metti che quell’attentato fosse collegato al sequestro Moro… E lo sanno tutti che alle spalle delle Br c’erano ben altri burattinai che non le br di Mario Moretti.

Queste la tesi e le ipotesi del libro in questione, che a conti fatti finisce per ripercorrere un teormea già adottato a suo tempo dal dottor Guido Calogero.

C’è un altro libro appena uscito, su Valerio Verbano. Anche lì la isteriologia impazza, e anche lì, a conti fatti, si finisce per rieprcorrere paro paro un teorema, quello del giudice Mario Amato.

Amato è stato ucciso dai Nar. calogero è vivo e scrive libri per spiegare al mondo quanto è stato bravo. Ma fatta salva questa non lieve differenza, resta che né l’uno né l’altro avevano capito una mazza. Niente di niente di niente.
Pot.op. non era la Spectre, checché ne pensi Valerio Cutonilli, autore del libro Acca Larentia – Quello che non è mai stato detto (Ed. Trecento, per approfondimenti, vedi anche QUI) che conosco e stimo e che però si sbaglia di grosso lo stesso.

I Nar erano proprio quello che sembravano: un mucchio selvaggio composto da ragazzini che non prendeva ordini da nessuno.

Aldo Moro lo hanno rapito i brigatisti. In proprio. Senza aiuti e aiutini. Qualche volta anche le cazzate si fanno da soli.

Credo che di quegli anni si inzierà a capire qualcoa solo quando giornalisti, storici, ex magistrati e folle di lettori di spy stories smetteranno di giocare con la fantasia e cominceranno a farsi le domande giuste. Quelle che nelle aule di triobunale e nei fascicoli delle procure rivestono imoprtanza secondaria, e nella storia di quella generazione sono invece le sole che contino.

Andrea Colombo

Condividi
  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks