Crisi greca o bancarotta dell’euro?

miro renzaglia

Perché la Grecia ha fatto bancarotta?

Perché è un paese indebitato con il Fmi, la Banca centrale mondiale e con tutti gli altri paesi a cui ha venduto i propri titoli di stato.

A cosa servono i titoli di stato?

A far entrare denaro liquido nelle casse di uno stato, in cambio della promessa agli acquirenti di ricevere oltre al capitale prestato una percentuale di interessi.

E perché allora la Grecia non emette nuovi titoli di stato e non ripiana con le nuove entrate il suo disavanzo?

Perché non essendo più in grado di restituire capitali ed interessi a chi ha già acquistato i suoi titoli, una nuova asta andrebbe deserta.

E perché non è più in grado di farlo?

Perché non riesce più a produrre ricchezza a sufficienza per pagare il debito pubblico. E sarà pur vero che per pagare e per morire c’è sempre tempo… ma quel tempo prima o poi arriva…

E qual è la soluzione?

Restituire agli stati nazionali la sovranità monetaria. Ma siccome dubito molto che da questo orecchio le consorterie finanziarie ci sentano, ricorreranno al metodo di sempre: farle un nuovo prestito, oppure comprare i suoi titoli anche se si sa in partenza che non è in grado di restituire il credito.

Ma così non se ne esce…

E chi ha detto che chi ha provocato tutto questo ne vuole uscire? Scopo dell’Alta Finanza non è quello di rientrare di un prestito ma impadronirsi dei popoli e degli stati, espropriarli della propria sovranità e governare, di paese in paese asservito, il mondo intero…

Ma l’euro non era la moneta forte che avrebbe dovuto garantire ai paesi membri la stabilità finanziaria e l’esercizio virtuoso delle economie nazionali?

E dove lo hai letto?

Non l’ho letto, l’ho sentito dire.

Ecco, appunto. Invece di stare al sentito dire, faresti bene a leggere il famoso Trattato di Maastricht. E se non hai tempo per leggerlo tutto, concentrati almeno sull’articolo 107: «Nell’esercizio dei poteri e nell’assolvimento dei compiti e dei doveri loro attribuiti dal presente trattato e dallo Statuto del SEBC, né la BCE né una Banca centrale nazionale né un membro dei rispettivi organi decisionali possono sollecitare o accettare istruzioni dalle istituzioni o dagli organi comunitari, dai Governi degli Stati membri né da qualsiasi altro organismo. Le istituzioni e gli organi comunitari nonché i Governi degli Stati membri si impegnano a rispettare questo principio e a non cercare di influenzare i membri degli organi decisionali della BCE o delle Banche centrali nazionali nell’assolvimento dei loro compiti».

Ovvero?

I Governi dei paesi membri della moneta unica europea NON possono interferire con le decisioni della Banca centrale europea. Spetta a lei e solo a lei decidere la politica economica degli stati nazionali. Ti ricordi quando monsieur Trichet decideva di alzare i tassi d’interesse bancari per contenere l’inflazione?

Ma se l’inflazione era ridotta ai minimi storici…

Vero. Ma se tu hai una merce e la vuoi vendere non cerchi di ricavarne il massimo profitto?

Beh, sì… ma che c’entra?

Che merce vendono i banchieri?

Il denaro…

…e quindi se te lo vendono ad un costo (= tasso d’interesse) più alto ci guadagnano di più, o no?

Capito. Ma dopo la grande crisi di due anni fa, con il fallimento della Lehman in America, il tasso d’inflazione s’era abbassato ancora di più. Mi sembra di ricordare che in America si prestava addirittura a zero interesse e in Europa ad appena l’1% e, sempre se non ricordo male, l’inflazione era addirittura scesa…

Il che dimostra due cose: la prima, che non è vero che alzare il tasso d’interesse dei prestiti bancari serve a contenere l’inflazione…

E la seconda?

Che dai banchieri non verrà mai alcun rimedio e meno che mai la salvezza dai misfatti che loro stessi compiono… Ti sei mai chiesto perché la Gran Bretagna non è voluta entrare nell’Unione Monetaria Europea?

No. Perché?

Perché con la moneta unica e, soprattutto con il disposto dell’articolo 107 del Trattato di Maastricht, insieme alla sovranità economica gli stati perdevano la possibilità, in casi di crisi come quello della Grecia, di ricorrere ad un espediente semplice semplice per salvare la propria economia…

E sarebbe?

La svalutazione della moneta nazionale.

Cioè?

Eh! ma non sai proprio niente di economia… Non te l’hanno insegnata a scuola?

No. A scuola, almeno fino alle medie superiori, non si insegna economia…

E ti sei mai chiesto perché non si insegna una materia così importante, soprattutto oggi?

???

Perché se hai un minimo di cognizione sulla materia, col cazzo che vai in banca e ti fai concedere come optional del tuo conto corrente bancario, il così detto scoperto: quel gruzzoletto che sta lì ad aspettare che tu lo tocchi per metterti al collo un cappio che finirà per strozzarti con interessi come manco il peggior strozzino si sognerebbe di poter fare… Ma ritorniamo alla svalutazione…

Ecco, sì…

Con la svalutazione della propria moneta, uno stato favorisce l’esportazione e la vendita dei propri prodotti all’estero, rende più costosi gli acquisti di merci estere dei propri cittadini con tutto quel che ne consegue in termini di ripresa della produttività e del consumo interno. Così la Gran Bretagna si salvò dalla crisi del 1929. E quando le hanno chiesto di entrare nell’euro se ne è ricordata. Ha detto: “No, grazie”. Così come ha risposto picche alla richiesta di concorrere al salvataggio della Grecia.

E allora perché la Bce non svaluta l’euro per salvare la Grecia?

Perché esiste una moneta unica europea ma non esistono gli Stati Uniti d’Europa, né sul piano politico né su quello economico. Per cui, la Grecia se ne avvantaggerebbe, ma a rimetterci sarebbero stati come la Francia e la Germania che hanno tutto l’interesse a conservare l’attuale cambio di valuta con il dollaro che, al momento, è per loro ancora vantaggioso.

E, quindi, chi pagherà la crisi?

E chi vuoi che la paghi? Per il momento i cittadini greci che vedranno stipendi e pensioni decurtate, le fabbriche chiudere, i disoccupati crescere e i banchieri arricchirsi come sempre… Oggi loro, ma avanti c’è posto…

Tu, quindi,  pensi che la crisi contagerà gli altri paesi della zona euro, fino al ritorno alle monete nazionali?

No, perché andrebbe in crisi l’intero sistema finanziario dell’Occidente e lo stesso sistema capitalista. Prima o poi accadrà ma finché potranno cercheranno di salvare il salvabile, mangiandosi uno stato alla volta… Come è accaduto anni fa con l’Argentina…

.

.

.

Condividi
  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks