Regionali 2010. Vincono Polverini e Vendola

miro renzaglia

Da 11 a 2, a 7 a 6. Questo è il risultato delle attuali risultanze elezioni regionali… da 11 regioni del centrosinistra e due del centrodestra, si è passati, appunto, al 7 a 6. Fermatevi qui, perché se poi andate appresso alle analisi di politici, politologhi, politichisti non ne verrete mai fuori…

Fermandovi qui, invece, l’interpretazione è semplice: il gradimento degli italiani (almeno di quelli che hanno votato: perché siamo ai minimi storici dell’affluenza alle urne, ed è questo il dato vermante rilevante) va all’azione di governo… Se ne facciano una ragione i Bersani, i Casini, e i Di Pietro (l’unico, quest’ultimo, che abbia ammesso esplicitamente la sconfitta): finché continueranno a fare dell’antiberlusconismo l’unica ragione del loro essere al mondo politico, questi saranno i risultati…

Se proprio dobbiamo andare al centro del problema, all’interno del dato certo, sono due i fatti su cui riflettere:

a) Vince Renata Polverini nel Lazio;
b) Vince Niki Vendola in Puglia.

Tutti e due (Polverini e Vendola), prima ancora che contro gli avversari, hanno vinto – guarda caso – contro i propri schieramenti interni. Ovvero: due outsiders avversati, pur con diverse modalità, dalle nomenclature dell’apparato che li comprende, danno adito a pensare che dall’ossificazione delle strutture del sistema qualcosa di nuovo possa sortire…

Intendiamoci: non c’è niente di cui esaltarsi. E, meno ancora, niente da cui nutrire una sana fiducia nell’avvenire…

E però, entrambi (Polverini e Vendola) parlano un linguaggio che è già almeno un po’ fuori dalle stantie onomatopee di “destra” e di “sinistra”.

Staremo a vedere nei prossimi mesi se questo linguaggio è destinato a restare nell’attuale balbettio, oppure riescirà a formularsi in un discorso serio anche su scala nazionale…

Per il momento è tutto…

.

VINCE L’ASTENSIONE

In attesa di sapere come sono andate le elezioni nelle tredici Regioni chiamate al voto per il cambio del Conglio Regionale e del Presidente (mentre scriviamo si sa di un vantaggio di Vendola in Puglia e di Zaia in Veneto) il dato certo è quello dall’astensione al voto.

La media è scesa addirittura dell’8 per cento. Nel Lazio, si arriva addirittura al 12 per cento. Ancora non è chiaro se il calo di affluenza ha colpito maggiormente il centrosinistra o il centrodestra, ma quello che è però chiaro è una generale dissafezione
dei cittadini nei confronti della politica. Lo scontento colpisce tutte le aree politiche.

Esemplare, in tal senso,  è la discussione aperta sul sito del Corriere.it i commenti di chi non ha votato: c’è chi non vuol votare ancora una volta il meno peggio e chi invece si è rotto di un dibattito politico basato sulla contrapposizione e le urla e poco o nulla sui contenuti.

Sicuramente nel Lazio ha pesato la vicenda delle liste escluse, un dato che molto probabilmente penalizza Polverini a vantaggio di Bonino. Ma che ha creato malumori anche in quella sinistra che sperava in una campagna meno segnata dall’odio e in una Bonino capace di battersi in maniera più leale nei confronti dell’avversaria.

La candidata del centrosinistra, come ricordete, non ha invece fatto niente perché venisse riammessa la lista del centrodestra, ma ha fatto di tutto per imepdire che il voto avvenisse ad armi pari.

Comunque, lo scontro sulle liste nel Lazio avrà degli strascichi: non è ancora chiaro
se il voto dato a un candidato della lista soppressa è automaticamente annullato, oppure va comunque a Polverini… In questo perenne festival della democrazia truccata ne vedremo purtroppo ancora delle belle… o delle pessime.

E’, in ogni caso, il segnale di una crisi che si aggiunge alla disaffezione storica e che oggi segna in maniera ancora più radicale l’autorevolezza di chi governa, o ha la presunzione di dire che governa (a nome di chi? e per che cosa?) questo sistema marcio alle radici.

.

LOGO

I LIBRI DE “IL FONDO”

Per ulteriori informazioni sui volumi
cliccare sulle copertine

fondo

I libri de “Il Fondo”
possono  essere acquistati online
sul sito “ilmiolibro.it

libri_fondo magazine

nella finestra “cerca”
digitare il nome dell’autore o il titolo e seguire le istruzioni

_______________________________________

Condividi
  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks