“So’ ‘e sette”

«So’ ‘e sette…»

«Ma che stai a dì? So’ ‘e tre e un quarto der pomeriggio…»

«Se, vabbeh… bonanotte…»

«…E che me dài ‘a bonanotte alle tre e ‘n quarto der pomeriggio?»

«No, bonanotte a te che nun capisci ‘n cazzo: ho detto che so’ ‘e sétte: coll’accento acuto, no’ co’ quello greve: so’ le sétte te dico…»

«Ambeh… Scusame tanto, eh… io coll’accenti nun c’azzecco mai… ma che voi dì che so’ le sétte…»

«Vojo dì che ormai, come te giri te giri, è tutta ‘na sétta… Lo sai che so’ le sétte?»

«Vabbeh, ho capito: me devi da dà n’artra lezione de vita… comincia, va’… so tutto orecchie…»

«La relazione settaria è un tipo di relazione in cui una persona induce intenzionalmente un’altra a divenire totalmente o quasi totalmente dipendente da sé, per quanto riguarda la maggioranza delle decisioni più importanti della vita e inculca nei seguaci la convinzione di possedere un qualche talento, dono o conoscenza speciale.»

«E che me parli come ‘n libro stampato? Traduci va’… Anzi, famme ‘n esempio pratico…»

«Per esempio: io e te stamo in una sétta. Poi ce stanno pure Tizio, Caio e Sempronio… Famo finta che tu sei er papa della Sétta Nostra e dichi ‘na stronzata… Mo’, ‘na stronzata è sempre ‘na stronzata. Però, siccome te sei er papa – ‘poteticamente – la stronzata che dichi te, non solo nun è ‘na stronzata, ma diventa puro la verità pe’ ciascheduno de noi…»

«Ma daje: se so’ er papa, mica posso dì stronzate…»

«E infatti è proprio questo er meccanismo della sétta: se sei er papa, nun dichi mai stronzate a prescinde: se chiama giogo carismatico…»

«E che vor’ dì?»

«Vor’ dì che nun è importante quello che dichi te, che sei er papa, importante è che io c’ho bisogno de crede che quello che dichi te è giusto a prescinde… »

«Vabbeh, ma mica ve l’ha ordinato nessuno a te, Tizio, Caio e Sempronio de famme papa… Se me c’avete fatto, vor dì che quarche cosa de giusto e de senzato l’avevo detto e fatto pe’ convinceve a famme papa…»

«A parte che pe’ fa papa a te ce vorrebbe ‘n cimitero de morti, tanto sei ‘na nullità… Comunque, in dentro ‘na setta er capoccia è quello che interpreta mejo la figura de chi ogni uno dei seguaci vorrebbe esse’… »

«Allora – te ripeto – quarche qualità ce la deve pure avé ‘sto papa, ‘sto capoccia… »

«E certo che cell’ha… er problema nun so’ le qualità sue… in genere è ‘na personalità forte, pure violenta, va, piena de risorse curturali, artistiche e spirituali, per giunta. Solo che nun te sta mai a sentì perché la verià cell’ha solo lui e basta… Ma questo sarebbe er meno: er problema vero, come te ripeto, nun è lui, so’ li seguaci….»

«Cioè? Famme capì…»

«Per esempio: se ‘na persona se sente ‘na merda, tende a idealizzà ‘n’artra persona meno merda de lui e non solo nun contesta er papa suo, ma tutti quelli che nun so’ d’accordo co quello che dice era papa suo diventano atomaticamente nemichi puro sui e, siccome nun so ‘ntelligenti come er papa, le loro stronzate so’ ancora più monumentali…»

«Ma me dichi davero? Voi dì che pure de nun ammette che er capo loro s’è sbajato sbajeno peggio de lui?»

«Proprio così… E’ che er papa e li seguaci sui so’ dipendenti l’uno dall’artro: er papa dà ar gruppo de li seguaci forza, energia, coraggio, ‘ntusiasmo, ‘a fede in dei valori che risponneno alle esigenze spirituali e ideologgiche der gruppo delli seguaci sui e chiede, ‘n cambio, er riconoscimento, ‘a conferma e ‘a venerazione de se stesso persona… ‘o sai come se chiama ‘sto scambio?»

«No: come se chiama?»

«Se chiama: simbiosi mutualistica… Mo’ sarebbe troppo lungo statte a spiegà che d’è la simbiosi mutualistica: vattelo a cercà su internette…»

«Scusame tanto, sa? Ma allora, secondo quello che me dichi, pure la chiesa cattolica è ‘na sétta…»

«La chiesa cattolica è la Sétta de’ tutte le sétte… Ma le sétte esistevano prima e, oggi, esistono pure fora da essa stessa… Figurate che pure l’ateisti so’ ‘na sétta…»

«Vabbeh… allora, secondo er criterio tuo, o pe’ riffe o pe’ raffe, tutti famo parte de ‘na sétta…»

«E certo… Er problema vero è che la mentalità settaria c’ha convinti tutti che pe’ contrastà ‘na sétta, bisogna fa’ ‘n’artra sétta… Solo che così nun se ne esce mai dalla mentalità séttaria…»

«E se quarche d’uno ne vorebbe sortì?»

«Eh! ‘na vorta che ce sei entrato drentro, dalle sétte ne eschi fora solo se te scomunicheno…»

«Aho! Da quello che so’ io, li scomunicati, quanno so’ scomunicati, stanno ‘na chiavica… »

«Dipenne da quanto s’erano ‘mbriacati de spirito de’ sétta… Io dico che se proprio te devi ‘mbriacà è mejo che te scoli er vino della cantina tua…»

miro renzaglia

Condividi
  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks