Bene o male, al di là…

Che cos’è la felicità?
La sensazione che la potenza cresce,
che si sta superando una resistenza.

(F.W. Nietzsche, L’anticristo 1888)

Un problema costante che si pone l’uomo è la distinzione in bene e male.
E’ piuttosto condivisa l’idea che vi sia un “bene” universale e, di conseguenza, un “male”
universalmente riconosciuto. In realtà le cose stanno diversamente, ed è la vita stessa
a contraddire nella sua disarmante semplicità questa credenza frutto di poca profondità.

E’ davvero semplice e rassicurante dirsi a vicenda “questo è bene e questo è male”, segnare un limite a ciò che si può fare (o si deve…) e indicare quindi ciò che bisogna evitare. La morale nasce inevitabilmente dalla distinzione in bene e male, ma la morale, il concetto stesso, si pretende universale e perciò intende omologare gli uomini al di là delle differenze sotto dei principi “superiori”.

L’uomo tende certamente a distinguere ciò che è bene da ciò che è male,
ma ogni buona concezione della vita, ogni sana idea dell’uomo,
non concepisce nè l’idea di bene come un qualcosa
di immutabile e assoluto, nè tanto meno come
un qualcosa di condiviso da ogni uomo.

L’idea di bene – da cui discende conseguentemente anche la definizione di virtù – è frutto di una visione delle cose, sgorga dalla spontanea visione dell’uomo, dalle sue esperienze. Slegare l’idea di bene dalla vita, dall’esperienza, significa farne pura teoria e astrazione, quando invece ogni popolo vitale e solare, ha sempre ritenuto “buono” solo ciò che rendesse forte e sana la vita.

Non tutti gli uomini hanno la stessa idea di bene,
e non tutti quindi condividono la stessa scala valoriale.
Ma sostanzialmente le visioni dell’uomo sono due: coloro
che vedono nella vita una sofferenza,
una caduta che va
espiata, un peccato o comunque una valle di lacrime
e credono che l’uomo sia sempre affetto e perseguitato dalla malattia
(ad es. Freud).

boco, nietzsche, aldilà

Gli altri invece vedono nella vita l’espressione di una forza e di una potenza, della natura profonda dell’uomo, la sua creatività realizzata e la sua sfida incessante alla natura. Vedono nell’uomo un qualcosa di sano e che tende alla potenza. (ad es. Nietzsche, Spengler, Faye).

La seconda concezione colloca la vita al di là del bene e del male. Non perchè l’uomo non scelga e definisca di volta in volta in modo arbitrario ciò che è per lui bene, ma perchè riconosce e rispetta il primato della vita su ogni teoria, afferma il primato della potenza che si esprime nel mondo attraverso l’uomo.

La potenza esprime la tensione a nuove sfide, l’innarrestabile avanzata dell’uomo storico sul suo cammino, conferma una scelta, e si distende sulla superficie circostante spazzando via con la sua forza ogni teoria preconcetta.

La potenza vitale è al di là del bene e del male perchè è e non può essere contestata, trattenuta o frenata, essa esprime la pura energia primordiale.

La potenza si espande sul piano orizzontale,
come un impulso scaturente dalla volontà dell’uomo.
Come una goccia che cada su una superficie immobile e piatta d’acqua.

Francesco Boco

Condividi
  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks